mercoledì 29 luglio 2015

Un primato italiano dimenticato o volutamente ignorato?

Una riflessione di Salvatore Settis mentre il Ddl Madia darà un ulteriore colpo di grazia al patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese

"L’Italia è stata la prima a integrare la tutela del paesaggio e del patrimonio culturale nei principi fondamentali della sua Costituzione. La consistenza e la qualità del patrimonio da un lato, la cultura italiana della salvaguardia dall’altro sono le due facce della stessa medaglia. Le regole in merito alla conservazione non avrebbero visto la luce del giorno senza un senso civico risvegliato dalla densità del patrimonio culturale e la presenza di quest’ultimo non sarebbe mai stata così durevole se non fosse stata garantita da regole nel corso dei secoli. Che debbano esistere delle regolamentazioni pubbliche dei principi di tutela non è affatto dimostrato e, in effetti, la maggior parte dei Paesi non ne hanno avute per molto tempo. Nel XX secolo e in particolare all’inizio della seconda guerra mondiale, le leggi di tutela del patrimonio si sono moltiplicate in diversi Paesi (ad esempio in America Latina, in Africa e in Asia) seguendo modelli importati dall’Europa, ma i modelli europei si sono sviluppati a loro volta prendendo esempio dall’Italia".

("Settis: Perché gli italiani sono diventati nemici dell’arte", Il Giornale dell'Arte, numero 324, ottobre 2012)


La considerazione di Salvatore Settis, sopra riportata, dovrebbe sempre essere tenuta presente da tutti noi e dalle Istituzioni in primis, soprattutto ora che il Ddl Madia sancirà il silenzio assenso e la confluenza delle soprintendenze nelle prefetture. "Si tratta del più grave attacco al sistema della tutela del paesaggio e del patrimonio culturale mai perpetrato da un governo della Repubblica" dicono intellettuali, costituzionalisti e associazionicome si legge nell'articolo di Giulio Cavalli.

Questo è il punto cruciale del Ddl Madia:
Con l'art. 3 si introduce il silenzio assenso nei procedimenti autorizzativi delle Soprintendenze, i cui uffici, dotati di poco personale con funzione tecnico-scientifica, dovranno esaminare e provvedere alle migliaia di istanze per autorizzazioni entro 90 giorni per i quali, in difetto, interverrà il silenzio assenso. 




Vedi anche:



venerdì 24 luglio 2015

Musei e paesaggi culturali 2015

Si è aperto il censimento di ICOM dedicato ai progetti incentrati sul tema "Musei e paesaggi culturali"




Nel 2014 ICOM Italia ha iniziato la prima fase del censimento "Musei e paesaggi culturali" (MeP) per individuare i musei che si sono occupati e si occupano attivamente di paesaggio o che hanno promosso e promuovono attività legate al paesaggio culturale, offrendo una visione d'insieme della situazione attuale, consultabile on line in forma sintetica e analitica.
La seconda edizione 2015 del censimento "MeP" si è aperta da pochi giorni. Fino al 15 ottobre i musei italiani impegnati in progetti legati al tema potranno presentarli attraverso il portale realizzato per ICOM Italia da CINECA. Le indicazioni per la compilazione della scheda, la presentazione del progetto e materiali di approfondimento sul tema sono disponibili sul sito di ICOM Italia.
L'obiettivo principale di questa seconda fase del censimento "MeP" 2015 sarà l'individuazione e la valorizzazione delle "buone pratiche" realizzate dai musei italiani in relazione al tema. Tutti i progetti acquisiti saranno presentati attraverso i siti web di ICOM Italia e di "ICOM Milano 2016". Le iniziative più interessanti saranno valorizzate attraverso diverse occasioni di comunicazione, tra cui il "Premio ICOM 2015-2016" e le iniziative collegate alla Conferenza generale "ICOM Milano 2016".
L'augurio di ICOM Italia è che "MeP" 2015 possa contribuire a promuovere, in ambito nazionale e nei confronti dei professionisti museali stranieri che parteciperanno alla Conferenza internazionale, la qualità dell'offerta culturale proposta dai musei italiani.
L’area tematica
"Musei e paesaggi culturali" è il tema scelto per la 24a Conferenza generale dell'ICOM che si svolgerà a Milano dal 3 al 9 luglio 2016. 
Il tema è stato proposto dal Comitato nazionale italiano di ICOM per individuare in che modo i musei possono contribuire a far riconoscere universalmente l'importanza del patrimonio naturale e culturale.
Il rapporto fra musei e territorio è stato oggetto di ricorrenti dibattiti e di numerosi quanto vani tentativi di integrazione, concettuale e operativa, tra tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e pianificazione territoriale e urbanistica.
Da tempo ICOM Italia si batte per affermare un nuovo modello di "tutela attiva" in cui i musei svolgano il ruolo di presidi territoriali integrandosi all'interno del sistema statale di tutela, come illustrato nella Carta di Siena.
Oggi la riforma dei musei statali e la creazione di un Sistema Museale Nazionale di cui faranno parte musei pubblici e privati, propone un nuovo orizzonte di integrazione fra tutela e valorizzazione e permette di pensare ai musei come centri di responsabilità impegnati nella conservazione e nella valorizzazione non solo delle proprie collezioni, ma del patrimonio e dunque anche del paesaggio culturale.
Le azioni
Acquisizione delle schede (15 luglio-15 ottobre 2015)
I musei interessati a partecipare al Censimento possono iscriversi al portale preparato da CINECA e compilare l'apposita scheda (un solo progetto per ogni museo).
Nella sezione FAQ del sito sono presenti tutte le informazioni necessarie per la compilazione.
Validazione e valutazione delle schede (ottobre-dicembre 2015)
Ogni scheda caricata sul portale verrà registrata nel database e resa visibile al Coordinatore regionale ICOM di competenza che ne accerterà la corretta compilazione. Nel caso siano necessarie modifiche o integrazioni (es. voci di scheda fraintese, incomplete o non risposte) la scheda verrà rinviata al mittente  per l'implementazione e la correzione necessaria. 
Se la Regione in cui opera il museo non possiede un Coordinamento regionale, la scheda sarà assegnata ad uno dei coordinatori di Area. 
Le schede validate saranno valutate da gruppi di lavoro territoriali e successivamente dal Gruppo di Coordinamento nazionale.
Approfondimento e prima valorizzazione dei progetti più interessanti (dicembre 2015-maggio 2016)
I componenti del Gruppo di Coordinamento nazionale verificheranno le modalità di pubblicazione e valorizzazione delle schede più interessanti (conferenze, premi, pubblicazioni, inserimento nelle proposte pre e post conference, etc), tenendo conto delle collaborazioni attivate e delle capacità di comunicazione offerte dai progetti selezionati.
I componenti del Gruppo di lavoro e i contatti
Coordinatori regionali (i contatti sono reperibili sul sito di ICOM Italia)
Paola Di Felice (Abruzzo), Marianella Pucci (Campania), Valentina Galloni (Emilia Romagna), Maria Masau Dan (Friuli Venezia Giulia), Maria Antonella Fusco (Lazio), Fiorangela di Matteo (Liguria), Federica Manoli (Lombardia), Giuliana Pascucci (Marche), Patrizia Petitti (Piemonte, Valle D'Aosta), Raphael Aboav (Puglia), Valeria Patrizia Li Vigni (Sicilia), Serena Nocentini (Toscana), Giovanni Delogu (Umbria), Giuliana Ericani (Veneto).
Coordinatori di Area
Nord Federica Manoli, lombardia@icom-italia.org (Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige, Valle d'Aosta, Veneto)
Centro Valentina Galloni, emilia-romagna@icom-italia.org (Emilia Romagna, Lazio, Marche, Sardegna, Toscana, Umbria)
Sud Raphael Aboav, puglia@icom-italia.org (Basilicata, Puglia, Sicilia); Marianella Pucci, campania@icom-italia.org (Abruzzo, Calabria, Campania, Molise). 
Gruppo di coordinamento nazionale 
Comprende, oltre i Coordinatori d'Area: Annalisa Besso, Stefano Filipponi, Daniele Jalla, Tiziana Maffei, Cecilia Sodano:  coordinamento.mep2015@gmail.com.

Altre informazioni sul sito di ICOM.

giovedì 23 luglio 2015

Santi ed eroi. Pittura sacra e profana a Civitanova

24 luglio 2015, ore 19.00-Civitanova Marche Alta



"Santi ed eroi. Pittura sacra e profana a Civitanova" non è una delle tante rassegne d'arte, ma una esposizione di significativa importanza, sia per lo studio e la conoscenza degli artisti trattati e dei temi figurati nei dipinti, sia quale modello per altre rassegne del genere che si dovrebbero promuovere in molte città della nostra regione detentrici di un patrimonio di grande qualità, il più delle volte poco conosciuto e poco valorizzato.
La mostra  nasce da un'attenta indagine dell'ingente patrimonio pittorico disseminato nei palazzi pubblici, nelle ex chiese ed ex nei conventi di Civitanova Marche.
Tele di  soggetto sacro e profano, databili fra il XV secolo e i primi anni  dell'Ottocento, per la prima volta vengono offerte al pubblico godimento e studiate da un affermato gruppo di storici dell'arte come: Stefano Papetti, Università di Camerino; Silvia Blasio, Università di Perugia; Mario Alberto Pavone, Università di Salerno; Enrica Bruni, Direttore Pinacoteca civica Marco Moretti; Giuseppe Capriotti, Università di Macerata; Gabriele Barucca, Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio delle Marche.

Inaugurazione venerdì 24 luglio 2015, ore 19:00
Auditorium di Sant'Agostino
Civitanova Marche Alta (MC)

Ulteriori informazioni sul sito: http://www.pinacotecamoretti.it/santieroi.asp

mercoledì 22 luglio 2015

Master internazionale in "Standards for museum education"




E' uscito il bando per la nuova edizione del master internazionale in "Standards for museum education" organizzato dal Centro di Didattica Museale dell'Università Roma Tre. Si tratta di un'occasione di formazione internazionale sui museum studies. Sono previsti seminari e workshop con docenti da musei e centri di ricerca europei (V&A, Tate Modern, Leicester University, Delft University, University College London) e progetto di stage in un'istituzione museale per svolgere una ricerca sul campo. 
Scadenza 15 gennaio 2016. Maggiori informazioni a questa pagina.

lunedì 20 luglio 2015

Musées (em)portables: come realizzare un video efficace


Dal 1 luglio è stata lanciata la quinta edizione del concorso Musées (em)portables di cui potete leggere qualche notizia utile in questo post.
Ma come riuscire a creare un video originale? Tutti siamo in grado di realizzare filmati con un cellulare, ma questo non basta; prima di iniziare a filmare c’è bisogno, innanzi tutto, di un’idea originale e poi di qualche conoscenza su come scrivere una piccola sceneggiatura.
Chi è completamente digiuno riguardo queste tecniche, potrà trovare utile qualche semplice consiglio che traggo dal volume di Linda Seger “Come scrivere una grande sceneggiatura” e che cercherò di adattare alla nostra finalità.

- Trovare l’idea
Una parte importante del vostro “training” consiste nel raccogliere indizi, suggerimenti, piccole trame che possono formare la base di una grande sceneggiatura. Molti scrittori pescano idee dagli articoli di giornale, ma si possono trarre indicazioni anche dalla nostra vita quotidiana, dal nostro lavoro, dalla vita famigliare, da sogni, fantasie, speranze, obiettivi, fallimenti, delusioni…
Molte situazioni, se associate ad una buona dose di immaginazione, possono condurre a nuove idee.

- Ordinare le idee
A questo punto bisogna ordinare le idee e ci sono molti modi per farlo. La cosa più semplice è iniziare a scrivere. Piccoli pensieri, anche slegati tra loro, cercando, quando possibile, di trovare un nesso. Buone idee evocano nuove idee. Le idee collegano altre idee e così la storia comincia a prendere forma.
Si può dividere una sceneggiatura in cinque componenti maggiori: la trama, i personaggi, l’idea di base, le immagini e i dialoghi. Ognuno di questi elementi prende forma in momenti diversi dello sviluppo. Alcuni scrittori particolarmente abili con i personaggi, per esempio, partiranno dalla definizione dei caratteri e lasceranno che la storia si evolva a seconda delle decisioni e delle azioni del personaggio.
Altri iniziano con una sequenza di eventi. Altri ancora con una idea da esplorare.
Indipendentemente da dove si desidera cominciare, ad un certo punto tutti questi elementi dovranno confluire nella sceneggiatura.

- Il metodo delle schede
Per raccogliere tutti i brandelli di idee che sommati faranno una sceneggiatura, molti scrittori usano le schede o annotano le loro idee su fogli perforati da mettere in un raccoglitore. Si comincia con cartoncini di diverso colore: a mano a mano che riordinano le idee, ogni colore diventa rappresentativo dei diversi elementi della sceneggiatura: le schede bianche, per esempio, potrebbero contenere note sui personaggi; le schede blu possono riportare annotazioni sulle immagini che faranno da sfondo alla trama (l’ingresso del museo, una sala particolare, etc.).
Gli appunti sulle schede possono essere piccole frasi oppure descrizioni più estese.
Dato che ogni processo creativo si muove dal caos all’ordine, la vostra mente comincerà naturalmente a vedere la correlazione delle schede. Le schede possono anche essere appuntate su un tabellone, per avere uno sguardo d’insieme.

- Il metodo della scaletta
Si utilizza questo metodo scrivendo qualche riga per ogni scena che compone la storia. Si può scrivere sia a mano su dei foglietti che sul computer, come si preferisce.

- Il trattamento
Un altro metodo per buttare giù le prime idee è chiamato “trattamento” e consiste nello scrivere una breve storia sui cui si baserà, poi, la sceneggiatura. E’ un modo per far emergere le idee, da modificare ed elaborare a piacimento.

Oltre quelli appena descritti, altri metodi per far nascere le idee possono essere: tenere un diario, per esempio, in cui riportare stati d’animo, osservazioni e pensieri, oppure parlare al registratore, cioè appena vi vengono le idee non perdere neppure il tempo a scriverle ma registrarle immediatamente per non perdere il momento magico!
In pratica, bisogna trovare il metodo che meglio si adatta al vostro temperamento e alla situazione. Tutto è molto soggettivo proprio perché siamo nel campo della creatività.
Esistono anche programmi gratuiti che aiutano a scrivere una sceneggiatura (v. http://www.sceneggiatori.com/links/software.asp).

La struttura in tre atti
Ogni sceneggiatura, a prescindere dalla sua lunghezza, deve essere strutturata in tre atti: l’inizio, il mezzo, la fine, ovvero: la premessa, lo sviluppo, la risoluzione. E’ importante sapere che l’inizio della storia può essere la parte più importante della nostra opera.  La premessa deve darci subito un’idea chiara della direzione della storia, del suo stile, di che cosa parla, dove è ambientata e che tipo di storia è. 
Di solito la premessa è un’immagine che ci dà subito un forte senso del luogo, dello stato d’animo, dell’ordito e talvolta del tema. Ripensiamo ai tanti film che abbiamo visto nella nostra vita e studiamo qualche premessa.
Dato che stiamo parlando di creare un filmato di tre minuti appena, è chiaro che le tre parti della sceneggiatura dovranno avere una efficacia immediata in quanto il numero di scene sarà estremamente ridotto.

Dopo aver scritto le varie parti della sceneggiatura, si può passare alla creazione dello “storyboard”, ovvero una sceneggiatura disegnata. Lo scopo è quello di rappresentare le inquadrature che si intende realizzare per ogni scena (campi lunghissimi, campi lunghi, campi medi, primo piano, dettaglio, etc.) e anche i movimenti che saranno usati (zoom, panoramica, etc.). Al posto dei disegni si possono utilizzare delle fotografie e allora si realizzerà un photoboard.



Ovviamente questi sono solo pochi suggerimenti, ma spero di aver dato l’idea di come si può creare, in poche, semplici mosse, una sceneggiatura che aiuti a realizzare un ottimo filmato. Buon lavoro!

Musées (em)portables per raccontare i musei in video



Al via la quinta edizione di Musées (em)portables, il festival francese ideato da Museumexperts, che invita chiunque lo desideri a realizzare dei video di non più di tre minuti con un dispositivo mobile (un cellulare, un tablet, qualsiasi strumento di ripresa non professionale).
Perché Musées (em)portables? Perché in un mondo in cui le mode che hanno invaso i nuovi canali di comunicazione sociale (vedi flashmobs, selfies, etc.) sembrano limitare fortemente la creatività personale, indirizzandola verso azioni di gruppo omologate e standardizzate, far emergere la creatività e l’intelligenza dei singoli appare come un autentico rinnovamento culturale.
Negli ultimi decenni, inoltre, si è esaltato molto il ruolo della tecnologia nella nostra vita quotidiana, forse troppo, anche se è vero che molti strumenti, come il telefono cellulare, i tablet e i pc, hanno portato indubbi benefici (e anche qualche effetto negativo). Tuttavia, dobbiamo sempre ricordarci - come si legge nel sito di Museumexperts - che “l’intelligente non è il cellulare, ma la persona che lo utilizza”. Quindi tutto deve essere ricondotto alla persona. Non facciamoci “guidare” dalle tecnologie, ma “guidiamo” noi le tecnologie: questo è il concetto che è alla base di Musées (em)portables, di cui ho il piacere e l’onore di far parte ormai da tre anni in rappresentanza dell’Associazione Nazionale Piccoli Musei, e in cui da due anni faccio anche parte della giuria che seleziona e attribuisce i premi ai migliori video partecipanti.

La quinta edizione – come è stato annunciato dagli organizzatori – vede una importante novità che renderà il festival un evento pubblico mondiale: ICOM, in collaborazione con Louvre pourtous, ha creato un premio speciale, il Premio ICOM-Musée pour tous, destinato alle creazioni audio-visive di quelle fasce sociali che solitamente sono penalizzate a causa di un ridotto accesso alla cultura (fasce sociali deboli, persone con disabilità, nuovi immigrati, residenti nelle zone rurali, etc.). Una decisione di grande importanza che aumenterà il già alto valore di Musées (em)portables.

Le modalità di partecipazione al festival restano le stesse degli anni passati. Il concorso è aperto a tutti, ai singoli come ai gruppi, senza alcun limite. Possono partecipare coloro che semplicemente amano i musei, coloro che vi lavorano o semplicemente coloro che desiderano trarre spunto da un museo per lanciare il proprio messaggio per immagini e suoni.
Invito vivamente a partecipare anche dall’Italia con le vostre creazioni, ma ricordo che i video (chi ha seguito il festival negli anni passati, se ne è reso conto) non dovrebbero avere la finalità di promuovere un museo, o almeno non dovrebbero farlo in un modo privo di originalità, ma essere, piuttosto, delle opere veramente creative, cioè dei piccoli film che raccontano delle storie, che trasmettono dei messaggi. 
Prima di cimentarvi in qualsiasi realizzazione suggerisco di vedere qui i video che sono stati presentati negli anni scorsi. 





Qui, invece, per chi è profano in materia di sceneggiatura, qualche consiglio su come realizzare un video efficace.

Il regolamento è disponibile in inglese e in francese. Il termine per l’invio dei filmati quest’anno è il 1 Dicembre 2015. Attenzione, perché dopo questa data i video non saranno più presi in considerazione!

Come ogni anno, tutti i film selezionati dalla giuria saranno proiettati ininterrottamente durante il Sitem, il salone internazionale dei musei, delle esposizioni e delle tecniche museografiche, in programma dal 12-14 gennaio 2016, a Parigi, presso il centro di moda e design Les Docks. Saranno poi resi disponibili, in tutto o in parte, sul sito di Museumexperts.

Non è necessaria alcuna registrazione preventiva. E’ sufficiente unire il modulo http://www.museumexperts.com/pdf/BulletinInscription2016.pdf al vostro video e inviarlo al seguente indirizzo:

Museumexperts
18 rue de la Michodière - 75002 Paris

Ricordarsi di unire anche i moduli firmati per le autorizzazioni relative ai diritti d’autore:

La cerimonia di consegna dei premi avverrà il 13 gennaio 2016.

Il Grand prix du jury ammonta a €2000. Il secondo e terzo classificato avranno ciascuno un premio di €1000.

Il premio speciale di ICOM-Musée pour tous, che godrà, tra l’altro, di una vasta distribuzione attraverso i vari canali internazionali di ICOM, ammonterà a €1000 per il miglior film e €500 per il secondo e terzo classificato.

mercoledì 8 luglio 2015

Concorso #Unit4Heritage: mostriamo il patrimonio culturale che amiamo!



Scatta una foto di un patrimonio culturale cui sei particolarmente legato e postala su Facebook o su Instagram usando l’hashtag #Unite4Heritage, insieme a una breve descrizione del motivo per cui è importante per voi. Può essere un luogo, un oggetto, una pratica culturale, una tradizione,  tocca a voi scegliere!

Il miglior post vincerà una Canon EOS DSLR, e la top 20 verrà descritta in una speciale galleria di immagini #Unite4Heritage che sarà pubblicata sul sito http://www.unite4heritage.org/ e nella rivista Patrimonio dell'Umanità.

Il termine ultimo è il 18 agosto 2015, ore 17 (orario di Parigi). Qui è pubblicato il regolamento: http://www.unite4heritage.org/contest.php

E’ importante sapere che la descrizione delle immagini potrà essere postata nelle seguenti lingue: inglese, francese, spagnolo, russo, arabo e cinese. Possono essere postate anche più foto, ovviamente tutte con la relativa descrizione. I testi devono essere originali, cioè nessun copia e incolla!

Dopo il termine del 18 luglio 2015, i primi cinquanta (50) partecipanti saranno contattati (tramite il profilo del social media utilizzato per postare la/le foto)  e verrà loro chiesto di fornire le seguenti informazioni:

- nome del partecipante;
- luogo ritratto dalla foto;
- data della foto;
- titolo;
- nome e cognome della persona o delle persone che appaiono sulla foto, se possibile.


L’UNESCO selezionerà i vincitori sulla base dei seguenti criteri: l'originalità, la qualità tecnica e artistica, l'efficacia del testo descrittivo come strumento per promuovere il valore del patrimonio culturale, l'universalità (ovvero la capacità di essere compreso da un pubblico eterogeneo in tutto il mondo). La foto e il testo saranno considerati entrambi importanti - una foto bella e significativa senza un testo adeguato non sarà presa in considerazione.